Permesso Di Soggiorno

Controllo permesso di soggiorno anche per rifugiati

Controllo permesso di soggiorno anche per rifugiati
Molti di voi ci hanno chiesto diverse volte come vedere se il permesso di soggiorno è pronto o in fase di lavorazione.Per poter controllare se un permesso di soggiorno è pronto oppure no bisogna prima di tutto essere in possesso della ricevuta rilasciata dalle poste oppure dalla questura stessa.Per i permesso di soggiorno per rifugiati politici, familiari cittadini ue la ricevuta viene rilasciata dalla questura stessa per tutte le altre tipologie di permesso di soggiorno o carta di soggiorno la pratica viene effettuata dalle poste italiane e la ricevuta delle poste diventa la ricevuta per controllare il permesso di soggiorno online. Una volta che siete in possesso della ricevuta collegatevi al sito universale delle questure www.questure.poliziadistato.it/stranieri/ - Nella... [continua]

Il modello Q non serve più, basta la comunicazione di assunzione

Il modello Q non serve più, basta la comunicazione di assunzione
Con il decreto legge sulle semplificazioni di Mario Monti il modello Q o meglio conosciuto come Contratto di Soggiorno non è più necessario spedirlo allo sportello unico per l'Immigrazione delle prefettura. È sufficiente inviare la comunicazione di assunzionedel lavoratore straniero. Il decreto-legge sulle semplificazioni è arrivato giovedì (9 febbraio 2012) in Gazzetta Ufficiale ed ha ribadito che l'invio del contratto di soggiorno non è più necessario. Dalla precedente legge, secondo il testo unico sull’immigrazione, il datore di lavoro e lavoratore straniero dovevano stipulare un contratto di soggiorno (modello q) con i dati di entrambi e le condizioni del rapporto di lavoro. In più, il datore dichiarava che il... [continua]

Da 80 a 200 euro la nuova tassa sul permesso di soggiorno

Da 80 a 200 euro la nuova tassa sul permesso di soggiorno
E' stata istituita una nuova tassa sul permesso di soggiorno per tutti gli immigrati che richiederanno o rinnoveranno il premesso di soggiorno dalle Poste. Dal 30 gennaio diventa realtà, grazie a un decreto firmato a ottobre dagli allora ministri dell’Interno e dell’Economia Roberto Maroni e Giulio Tremonti e arrivato il 31 dicembre in Gazzetta Ufficiale. L'importo del "contributo per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno" varia in base alla durata del permesso: ottanta euro se è compresa tra tre mesi e un anno, cento euro se è superiore a un anno e inferiore o pari a due anni, duecento euro per il "permesso Ce per soggiornanti di lungo periodo", la cosiddetta "carta di soggiorno". Dalla nuova tassa sono esclusi i permessi dei minori, compresi... [continua]